giovedì 24 gennaio 2013

Quarantacinque



L’indomani mattina scesi dal letto-armadio con cautela, mi preparai e corsi a fare colazione con un sorriso sul viso che non riuscivo a celare a nessuno.
Teresa, cume te set  cuntenta, cusa t'è sücess?”[1] Chiese Livia.
 “Ma nient, nient, sum cuntenta e basta. Aspeti una letera da la me mama, magari la rivarà stamatina cun la nav!”[2] Dissimulai.
 “Te me le cüntat minga giüsta. T'ho vidüa ier sira a parlà cunt 'na certa cunfidenza cul Mario. Te se saret minga inanamuràa!?”[3]
 “Ma no, Livia, 'sa te set drè dì!”[4] Arrossii violentemente.
 “Ul Mario al t'ha basàa la man!”[5]
 “Ma l'era dumà un segn da curtesia!”[6]
 “A mi l'ha minga basàa”[7].
 “L'ha minga basàa par rispett al tò omm!”[8]
 “Sì nanca murus e te 'l prutegiat già!”[9] Civettò Lidia.
 “Ciau, ho da 'ndà, sum in ritard”[10]scappai a gambe levate dalla prima cliente della giornata.

Raggiunsi la casa della signora Maria Guerra dopo qualche minuto di camminata a passo sostenuto. Avevo addosso un’energia tale da poter spostare le montagne!


[1] “Teresa, come sei contenta, cosa ti è successo?”
[2] “Ma niente, sono contenta e basta. Sto aspettando una lettera da mia mamma, magari arriverà con la nave di stamattina”.
[3] “Non me la racconti giusta. Ti ho vista ieri sera parlare fitto fitto con Mario. Non ti sarai innamorata!?”
[4] “Ma no, Livia, cosa stai dicendo!”.
[5] “Mario ti ha baciato la mano!”
[6] “Ma era in segno di cortesia!”
[7] “A me non l’ha baciata”.
[8] “Non l’ha baciata in segno di rispetto verso tuo marito!”
[9] “Non siete nemmeno fidanzati e già lo proteggi”.
[10] “Ciao, sono in ritardo”.